fbpx
Menu Chiudi

SEM definizione e applicazione

Guida iniziale per capire cos’è la SEM e come applicarla al tuo business.

SEM - Search engine marketing
SEM – Search engine marketing

Qual è la definizione di Search Engine Marketing? La SEM può essere definita come una branca del marketing online, che applicata ai motori di ricerca consente di produrre e dirigere un certo numero di utenti verso il sito web.

L’obiettivo è captare il traffico degli utenti che utilizzano i motori di ricerca come principale modalità di accesso ai siti web, e accrescere la visibilità del sito tra i risultati restituiti dalla SERP (Search Engine Results Page, la pagina dei risultati della ricerca).

Tra i principali obiettivi della Search Engine Marketing possiamo quindi trovare:

  • generare maggiore traffico sul sito, sia attraverso l’ottimizzazione dei contenuti tramite SEO, sia tramite l’attività di Search Engine Advertising (SEA)
  • brand awareness
  • aumentare la vendita di prodotti e servizi, sia online tramite e-commerce che offline tramite canali di vendita tradizionali
  • analisi dei competitor
  • rilevazione di dati strategici per le attività di web marketing

La SEM può essere considerata una vera e propria conseguenza naturale della SEO. ( Se non sai cos’è leggi la guida alla Search Engine Optimization)

Infatti sulla base di un buon posizionamento, la Search Engine Marketing permette di migliorare sensibilmente la visibilità del sito web sui motori di ricerca.

L’attività di marketing tradizionale si occupa di promuovere i prodotti o i servizi di un azienda, sviluppare, monitorare e fidelizzare i propri clienti.

Allo stesso modo il web marketing, in questo caso attraverso la SEM, offre la possibilità di generare verso di esso un traffico di utenti non generici ma qualificati, motivati e realmente interessati ai servizi offerti da questo. ( ( se sei affascinato da questa arte ti consiglio di approfondire con un corso online di Digital Coach)

Perché la tua azienda dovrebbe investire in una strategia di Google SEM ?

Le Pagine Gialle sono state per molto tempo il principale riferimento per le persone che volevano localizzare le attività locali. I proprietari delle impese investivano in pubblicità su questa “rivista” al fine di attirare nuovi clienti.

Con l’avvento di internet le edizioni cartacee sono state sostituite da quelle digitali ma successivamente l’esplosione di Google ha portato a rimpiazzate completamente questo strumento.

I consumatori adesso utilizzano il web e in particolare i motori di ricerca per cercare tutto quello di cui hanno bisogno. Internet ha ridotto incredibilmente le distanze tra imprese e i loro potenziali clienti.

Qualsiasi ricerca però può contenere un numero innumerevole di risultati divisi in diverse pagine, diventa così fondamentale il lavoro effettuato dalle aziende al fine di posizionarsi tra i primi risultati ed avere una maggiore visibilità.

Molte imprese decidono di investire nella sponsorizzazione dell’annuncio affinché vengano evidenziati sulla parte superiore delle prime pagine.

Una buona strategia di Search Engine Marketing, permette quindi di incrementare la visibilità del proprio sito sui motori di ricerca, generando traffico per la propria attività. Questo può portare i potenziali clienti ad aumentare le richieste di beni e servizi generando vendite e quindi maggiore profitto.

Le strategie di SEM sono diventate sempre più importanti, portando le imprese a investire in queste numerose risorse ed energie. Molte scelgono di rivolgersi a delle agenzie o a dei professionisti della Search Engine Marketing al fine di valorizzare al meglio queste strategie e ottenere vantaggio competitivo massimizzando l’efficienza.

Quali sono le principali caratteristiche e le azioni da porre in essere in un progetto SEM?

Alla base di qualsiasi progetto google SEM troviamo:

  • Una corretta analisi di mercato,
  • L’individuazione dei competitors e come si muovono nel web,
  • Quali attività intraprendono,
  • Quali mercati toccano
  • L’individuazione delle possibili azioni da adottare.

Fondamentale è avere gli strumenti giusti per il monitoraggio delle azioni poste in essere e per la raccolta dei dati dei visitatori, in questo senso è necessario fissare dei Key Performance Indicators (KPI).

I KPI devo essere basati su dei punti strategici di business e tecnologici, che permettono di capire quali sono gli obiettivi degli utenti e di individuare il successo o l’insuccesso delle iniziative sul web.

Un’attenta analisi dei dati è necessaria per capire quale azioni intraprese hanno avuto dei riscontri positivi e quali sono i settori su cui puntare per migliorare il business nel web.

Le principali attività da porre in essere per effettuare una corretta analisi di mercato sul web sono:

  • Individuazione dei concorrenti online;
  • Analisi delle attività e degli strumenti utilizzati dai nostri competitors;
  • Analisi del comportamento del target di riferimento online;
  • Impostazione di strumenti per la Web Analytics (per esempio, Google Analytics);
  • Web trend e segmentazione del mercato di riferimento;
  • Definizione dei fattori di differenziazione rispetto alla concorrenza (Marketing mix).

Campagne SEM e Analisi ed elaborazione dei risultati

Le campagne di web marketing ed il SEM possono essere considerate una fase di sviluppo naturale della SEO che deve essere eseguita per completare l’ottimizzazione esterna.

Essere presenti e competitivi sui social, creare delle campagne di E-mail marketing e Mobile Phone marketing sono elementi essenziali per completare il processo di visibilità aziendale.

Una corretta strategia strutturata su più canali, aumenta la possibilità di ottenere dei feedback positivi.

La fase conclusiva di una campagna google SEM consiste sempre nell’analizzare i dati ottenuti e monitorare le azioni che sono state poste in essere, al fine di capire quelli che sono stati gli obiettivi raggiunti e falliti.

Giovane ragazza illustra un grafico dati di google ads che è una delle pratica della SEM
Ragazza indica un grafico inerente alle strategie SEM

Spesso può essere utile riapplicare i modelli SEO e SEM per effettuare delle ulteriori verifiche o azioni di miglioramento sui risultati ottenuti.

Le azioni di marketing, devono essere sempre opportunamente monitorate per ottenere i feedback sul lavoro effettuato.

L’analisi dei visitatori, sono dei dati che consentono di capire il comportamento di navigazione dell’utente, le motivazioni per le quali abbandona il sito o dopo quanti clic avviene la vendita.

Questi dati consentono di valutare la reale efficacia delle azioni attuate e le eventuali contromisure da porre in essere.

L’analisi dei dati ricopre un ruolo primario ed essenziale nel processo di marketing online, al fine di comprendere a pieno il comportamento e migliorare l’esperienza dell’utente.

Una parte del SEM: Search Engine Advertising

La SEA (Search Engine Advertising), si riferisce alle attività di promozione a pagamento col fine di migliorare il posizionamento del proprio sito sui motori di ricerca.

Questa tipologia di meccanismi vengono identificati con il termine PPC (pay per click) in quanto il loro costo è determinato non dal numero delle visualizzazioni ma dal numero dei click eseguiti dagli utenti.

Fondamentale è la ricerca delle Keywords strategiche, ossia le parole chiave che gli utenti inseriscono all’interno dei motori di ricerca al fine di ottenere i risultati interessati restituiti dalla SERP.

È importante definire e considerare un set di Keywords e il budget che si è disposti a pagare per ogni click effettuato dagli utenti sull’annuncio al fine di monitorare il costo dell’advertising online.

Prevalere sull’offerta dei concorrenti permette di scalare le posizioni sui motori di ricerca.

Importante è fissare una posizione geografica al fine di delineare la visualizzazione dell’annuncio e creare dei testi che siano efficaci e consentano di ottenere gli effetti desiderati.

Tra i principali benefici della Search Engine Advertising:

  • maggiore visibilità del sito
  • migliore tracciabilità dei risultati ottenuti
  • posizionare in maniera strategica i contenuti sul web
  • pieno controllo sulla campagna, sulle sue modifiche e sulla possibilità di annullarla o stopparla in qualsiasi momento
  • migliori opportunità di targetizzazione

Un classico esempio di SEM : Google Ads

Le tipologie di motore di ricerca sono molte e con essi anche i servizi pensati per lo sviluppo di campagne pubblicitarie collegati ad essi:

  • Google Adwords
  • Baidu advertising 
  • Yandex Ads
  • Bing Ads 

La sfida iniziale per un esperto di questo settore è sicuramente fare una scelta tra i canali di comunicazione disponibili ( elemento fondamentale alla base di qualsiasi strategia seguendo la struttura delle 4 P del Marketing).

Come funziona Google Ads

Google Ads uno dei principali esempi di Search Engine Marketing. Questa è una piattaforma di Google che offre la possibilità di pubblicizzare i propri annunci attraverso degli investimenti mirati al raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Sfruttare Google Ads permette di collocare il proprio sito web o i propri annunci sopra i risultati organici.

La maggior parte degli utenti utilizza i motori di ricerca come principale strumento di ingresso nella rete e basa le sue azioni in relazione ai risultati che gli vengono restituiti da questi.

Avere un sito web che riesca a sfruttare al meglio Google Ads è quindi fondamentale per essere competitivi in un mercato sempre più complesso.

Esistono diversi tutorial di Google Adwords, ma seguendo alcuni principali passaggi il suo utilizzo risulta non particolarmente complesso.

Innanzitutto iscriviti ad Adwords e crea un Google Ads account.

Successivamente sarà necessario concentrarci su alcune parole chiave strategiche. Questo strumento funziona infatti sulla base della logica delle Keywords da individuare in riferimento all’attività da pubblicizzare e creare per queste un’asta.

Questa pratica ha come obiettivo portare il cliente Google Ads a creare la propria campagna, indirizzarla verso un target e ottenere le posizioni più privilegiate sugli spazi di Google.

Stabilita la campagna e selezionate le parole chiave è necessario stabilire l’investimento giornaliero e il prezzo che si è disposti a pagare per ogni click al fine di controllare il costo dell’advertising online.

Ads Funziona sulla base del sistema chiamato Pay per Click, secondo il quale, ogni volta che vi è un click sull’annuncio, Google scala dal budget giornaliero il prezzo predefinito fino all’esaurimento.

su una scrivania attraverso delle lettere viene indicata una pratica SEM: il pay per click
Pay per click è una pratica della SEM

È quindi essenziale porre in essere delle campagne che massimizzano la relazione tra spesa e click e non spendere delle cifre eccessive per parole chiave più richieste.

Le campagne create su Google Ads permettono di selezionare gli utenti in maniera dettagliata, ma presuppongono prima una ottimizzazione del sito e dei suoi contenuti.

Risulta quindi impensabile investire in una strategia di SEM se non sono stati prima effettuati importanti analisi di mercato e operato in maniera efficace sulla SEO.

Esistono principalmente tre tipologie differenti di campagne: Campagne di rete di ricerca, Campagne rete display e Campagne Rete Video

Rete di ricerca

E’ quel tipo di campagna che viene in mente alla maggior parte delle persone quando si tocca l’argomento Google Ads.

La rete di ricerca consente di “intercettare” un potenziale cliente proprio mentre sta effettuando una ricerca su Google.

Le fondamenta di questa struttura partono da un’indagine sulle parole chiave e dalla previsione di ricerca degli utenti.

In modo tale da capire quali potrebbero essere le parole utilizzate dagli utenti per cercare i tuoi prodotti e servizi.

Per perfezionare al massimo questa pratica ti vengono in aiuto molti tools che ti consentono di analizzare le parole chiavi sotto tanti punti di vista.

Ora non resta che definire gli annunci e fare un’offerta per ogni keyword e partecipare all’asta. (Qui puoi capire come funziona un’asta di Google Ads)

Rete display

Consentono di essere visibili all’utente tramite la pubblicità su altri siti Web con banner o annunci testuali.

Il vantaggio di queste campagne è nella possibilità di scegliere a quale persona poter mostrare il tuo brand in base ai suoi interessi e/o alle sue caratteristiche socio-demografiche.

Con questa tecnica puoi determinare il tuo target comunicando solo con persone potenzialmente interessati ai tuoi prodotti o servizi.

Rete Video

Questo tipo di campagna ti permette di mostrare un annuncio video anche dentro altri contenuti di Youtube o reti di Display di Google.

Esistono quattro tipi di annunci video:

TrueView in-stream

Si possono pubblicare prima, durante o dopo un video su Youtube.

Hai la possibilità anche di programmarli su un sito, sulle app, nei giochi e altre applicazioni della rete display.

Out-stream

Questa tipologia di video pubblicità è presente nei siti partners di Google ed è disponibile solo per mobile e tablets.

TrueView video discovery

Questo tipo di annuncio video si può mostrare su Youtube e viene visualizzato dagli utenti che pian piano scoprono contenuti sulla piattaforma.

La sua peculiarità è che il suo aspetto varia in base alla dimensione o formato dell’annuncio.

Bumper

Questo tipo di annuncio ha una particolarità: non si può saltare. Allo stesso tempo è più breve di tutti i formati appena visti.

In conclusione, possiamo riconoscere la difficoltà e lo studio che necessita questa pratica di web marketing.

D’altro canto però è riconoscibile anche l’applicazione di tale pratica è indiscutibile per poter essere competitivi su più fronti in un mercato che risulta sempre più agguerrito.

Se ti interessa approfondire l’argomento o capire come posso aiutarti scrivimi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *