Menu Chiudi

Come aprire il tuo negozio on-line

Computer usato per negozio on-line
Computer per negozio on-line

La guida per aprire un negozio on-line relativo al tuo business.

In questa guida ti spiegherò come aprire un negozio on line partendo da zero, seguendo alcuni passaggi fondamentali e cercando di comprendere la convenienza di quest’attività in costante crescita.

Tutto parte dalla creazione del commercio elettronico.

Questo canale permette di capire come aprire un negozio on line a tutti gli effetti.

La vendita viene realizzata tramite la creazione di e-commerce, dove il titolare del negozio carica i propri prodotti classificandoli per categorie.

Tutti gli articoli sono descritti tramite una scheda tecnica e hanno in vista il prezzo.

Il potenziale cliente non deve far altro che scorrere questi prodotti, scegliere quale preferisce e inviare l’ordine di acquisto.

La facilità con cui si parla di e-commerce non rende giustizia al lavoro professionale e alle competenze di cui ha bisogno per essere lanciarlo on-line.

Perché dovrei creare un negozio on-line?

Negli ultimi anni, abbiamo osservato come il commercio “tradizionale” in alcuni settori sia cambiato drasticamente.

Infatti, sono molte le attività commerciali fisiche che si sono trovate di fronte ad un bivio per adeguarsi a questo cambiamento:

  • Chiudere la propria attività.
  • Investire in un e-commerce.

È da specificare che gli imprenditori che non hanno avuto la possibilità di investire sull’e-commerce si sono trovati inevitabilmente inghiottiti dal cambiamento.

Per farti capire meglio di cosa stiamo parlando ti mostro questa breve analisi di dati effettuata da Semrush (qui l’articolo completo).

Nel 2020, le vendite via e-commerce dovrebbero rappresentare il 15,5% delle vendite al dettaglio in tutto il mondo (Oberlo). Una media di 488 dollari viene spesa annualmente per gli acquisti online (Hosting Facts). Il tasso medio di conversione del settore e-commerce è del 2,04%.

Buoni motivi per aprire un sito e-commerce.

vantaggi negozio on-line
Guadagnare con un negozio on-line

Costi per realizzare siti di vendita online

I costi di mantenimento di un e-commerce sono molto ridotti rispetto ad un negozio fisico, basti pensare solo al fatto di non dover pagare spese di affitto,luce,gas e di poter avere una gestione del magazzino molto più leggera rispetto al negozio tradizionale.

C’è di contro che la forte specializzazione per la realizzazione ed il mantenimento della piattaforma e commerce è d’obbligo per avere un business online che porti un guadagno.

Se hai bisogno di approfondire l’aspetto, contattaci e ti offriremo un preventivo con una prima consulenza totalmente gratis.

Vendita diretta senza intermediari

Ovviamente essere online ci permettere di abbattere i costi inerenti agli intermediari ed esercitare il nostro business direttamente all’interno del mercato (il web).

Clienti da tutto il mondo

Su internet c’è il mondo e quando dico “il mondo” sono serio.

Con un e-commerce puoi collegarti a qualsiasi persona che popola il nostro pianeta, di conseguenza il bacino di utenza che prima era limitato al quartiere di riferimento del tuo negozio, ora è potenzialmente straordinario.

Sempre aperto

Il sito online è disponibile 24 ore su 24 per i suoi clienti che possono visitarlo in qualsiasi momento di una giornata e acquistare il prodotto che preferiscono.

Controllo live del magazzino

La gestione di un negozio on-line ti consente, attraverso dei software specializzati, di poter controllare i prodotti più cercati e venduti in modo da ottimizzare l’approvvigionamento e per minimizzare le giacenze in magazzino di prodotti poco richiesti.

Burocrazia più semplice e veloce

Le operazioni burocratiche sono gestite in modo molto più veloce e snello grazie all’applicazione di software che si occupano di queste attività in modo quasi automatizzato.

I primi aspetti per capire come realizzare un sito e-commerce.

Trova le Migliori Nicchie di Mercato

Se non hai un’esperienza nel settore della vendita on-line ti consiglio di partire da una nicchia/settore inerente a qualcosa che ti appassiona e dove ti senti un esperto, scegliendo una nicchia dove ti senti davvero di poter dare un contributo di qualità per il tuo target.

Analizza la domanda

Per cercare le nicchie da “aggredire” ti posso consigliare di usare questi tool molto utili :

  • Google Keyword Planner ( puoi utilizzarlo solo se hai in attivo una campagna di Google ADS)
  • KWFinder
  • Google Trends
  • Ahrefs

Se nella ricerca della nicchia di mercato non trovi una domanda ampia, puoi sempre provare a creare domanda per il tuo prodotto tramite, per esempio, pubblicità sui social media. (ti consiglio di dare un’occhiata a questo articolo sulla gestione dei social media)

Qual è la tua USP?

Dopo aver valutato se ci sono le basi per aprire un e-commerce devi conoscere la tua USP (argomentazione esclusiva di vendita).

Quando entri una nicchia di mercato devi fare qualcosa anche un minimo diverso dai tuoi competitors ed è per questo che devi chiederti perché i consumatori dovrebbero comprate i tuoi prodotti o servizi rispetto ad altri.

Come creare un sito e commerce: una panoramica sugli aspetti legali

Aspetti legali negozio on-line
Aspetti legali negozio on-line

È on-line, virtuale, ma è pur sempre un’attività commerciale ed è per questo che ti consiglio di metterti in regola con gli aspetti fiscali.

Ecco cosa tenere presente se vuoi aprire un negozio online rispettandone i requisiti legali:

  • Aspetti legali: ragione sociale, indirizzo sede legale, partita iva, dati di contatto devono essere presenti nel sito online (solitamente nella parte inferiore);
  • Condizioni Generali d’Uso: devono essere espresse in maniera chiara;
  • Privacy: crea una pagina dove spieghi come saranno trattati i dati degli utenti in tuo possesso:
  • Diritto di Recesso: le condizioni circa il diritto di recesso devono essere comunicate in maniera chiara prima che venga effettuato l’acquisto;
  • Spedizione: conserva la ricevuta dell’avvenuta spedizione nel caso in cui il pacco venisse perso per provare che effettivamente l’invio sia stato effettuato;
  • Diritti d’Autore: fai attenzione alle foto che usi e sincerati che siano senza diritto di autore.

Queste sono solo alcune delle pratiche che devi mettere in atto dal punto di vista legale E ti consiglio di rivolgerti ad un esperto del settore per non correre rischi.

E’ importante conoscere l’iter burocratico che è necessario seguire per aprire un e-commerce al fine di essere in regola con il fisco e con le leggi italiane.
Per vendere online è quindi necessario:

  • Costituire una società davanti a un notaio (le srls a 1 euro per gli under 35 non prevedono il pagamento delle spese notarili);
  • Aprire un conto corrente bancario;
  • Aprire la partita iva
  • Iscriversi al VIES qualora si vogliano effettuare delle operazioni di acquisto e vendita in ambito comunitario.

Per avviare un’attività di commercio elettronico è necessario rispettare una serie di adempimenti che riguardano anche la Camera di Commercio, il Comune e l’INPS.

La richiesta va fatta al Registro delle Imprese tramite il modello telematico denominato “Comunica”(Comunicazione Unica d’Impresa).

Questa comunicazione, valida ai fini fiscali, previdenziali ed assicurativi, deve essere inoltrata all’Ufficio del Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio di competenza e la stessa provvederà ad inoltrarla a sua volta agli Enti (Agenzia delle Entrate, INPS, INAIL).

La domanda deve essere accompagnata dalla SCIA – Segnalazione Certificata di inizio Attività (contenente indicazione del settore merceologico scelto e l’attestazione dei requisiti posseduti).

In seguito la stessa dovrà essere presentata presso il SUAP (Sportello Unico Attività Produttive) del proprio comune di residenza.

Qualora non si riceva alcuna comunicazione negativa dal Comune di residenza nel termine di 30 giorni, vige il principio del silenzio-assenso.

Successivamente sarà possibile lasciare che il sito di vendita online sia aperto e consultabile da tutti i visitatori.

In ultimo si deve comunicare all’Agenzia delle Entrate l’indirizzo web del sito e-commerce, l’internet service provider, l’indirizzo e-mail, PEC e il numero di telefono e fax.

Trova il tuo Software: i migliori CMS per aprire un negozio on-line.

Una volta che abbiamo fatto chiarezza sugli aspetti preliminari, possiamo iniziare a pensare alla fase operativa per la creazione di un e-commerce open source.

Questi software ti danno la possibilità di realizzare, in prima istanza, un e-commerce gratis (non dovendo ricorrere ad un programmatore esperto).

Le prime scelte da dover affrontare sono : come strutturare il sito e a chi affidare la creazione di quest’ultimo.

La scelta della piattaforma per un negozio on-line varia in base a diversi fattori :

  • la dimensione del negozio
  • la complessità del business
  • il budget a disposizione

Di seguito ti mostro quali sono i più noti software e per creare un sito e-commerce:

WordPress + Woocommerce

WordPress è il più famoso CMS open source e, grazie a componenti esterni (plugin), può creare ottimi siti e-commerce.

Tra i plugin migliori troviamo WooCommerceWP e-Commerce JigoShop.

Wordpres, quindi, è molto adatto alla creazione di siti di vendita in modo abbastanza semplice.

Ha come limite però, il fatto che non sia adatto a negozi on-line di grandi dimensioni in quanto non offre parametri di configurazione avanzata come altri CMS e-commerce nati appositamente per l’utilizzo in tale ambito.

Blomming

Ottimo per aprire un e-commerce di piccole o medie dimensioni senza avere conoscenze tecniche specifiche

Blomming ha come peculiarità la possibilità di collegarsi a Facebook e vendere tramite la piattaforma social.

Magento

È una delle soluzioni più complete e potenti per la creazione di una piattaforma ecommerce, anche questo open source.

Ti dà la possibilità di personalizzare il tuo negozio on-line e offre la possibilità di gestire più siti tramite il pannello di amministrazione ed è disponibile in due versioni: Community Edition che è gratuita e la Enterprise Edition che è a pagamento.

Magento è la soluzione che consiglio per la creazione di siti e-commerce di grandi dimensioni.

Prestashop

Prestashop è considerata una delle migliori piattaforme per la realizzazione di siti e-commerce grazie alla sua affidabilità e qualità, infatti puoi aggiungere e integrare applicazioni in base alle esigenze della tua attività.

È ottimo per una gestione semplice e snella sia da parte del cliente che vuole approfondire vari aspetti senza nemmeno registrarsi, sia da parte del titolare che può analizzare in facilmente dati relativi al suo business.

Joomla + Virtuamart

Più semplice da usare rispetto a Magento e con costi di gestione minori, Joomla è ottimo per la gestione di siti di compravendita che hanno un grande flusso di traffico.

Virtuamart è il componente aggiuntivo migliore da affiancare a Joomla.

Inserisci immagini di qualità

fotografo per un negozio on-line
Fotografo per un negozio on-line

Uno degli elementi più importanti di un sito di shopping online risiede nella qualità delle immagini dei prodotti.

Da questo punto di vista è fondamentale avere una qualità delle immagini alta affinché si possa colmare il gap dovuto all’intangibilità temporanea dei prodotti esposti.

La fotografia è un’arte.

Il mio consiglio è di studiare molto prima di cimentarti in fotografie professionali, oppure puoi chiamare un professionista del settore ( più facile,professionale e non molto dispendioso economicamente).

Inoltre, devi prestare attenzione ad un piccolo problema che si rivela solitamente con il negozio on-line: gli utenti spesso non riescono a capire le dimensioni reali di un oggetto.

Puoi aiutarli fotografando l’oggetto vicino a qualcuno o indossato da una persona.

Scrivi le descrizioni dei prodotti in modo chiaro e ottimizzato

Le descrizioni sono importanti perché aiutano il cliente a capire in modo più dettagliato tutte le caratteristiche di un prodotto.

In questo ambito non basta solamente scrivere le caratteristiche, ad esempio, con un elenco puntato, ma dovrai farlo con un metodo ben preciso.

Questo metodo (o arte) si chiama SEO (se non sai cos’è ne ho parlato in questo articolo) e ti consente di scrivere dei testi e descrizioni in modo da poter essere rintracciati sui motori di ricerca.

Oltre alle descrizioni dei prodotti dovrai ottimizzare anche le altre pagine del tuo sito e-commerce.

Utilizza dei metodi affidabili per i pagamenti

Pagamento negozio on-line
Pagamento digitale

Come puoi intuire, quando si parla di pagamenti siamo sempre all’interno di un argomento delicato.

Scegliere un giusto e affidabile metodo di pagamento ti solleverà da problematiche che potrebbero portare disastri all’interno del tuo sito e-commerce.

La strada iniziale che solitamente viene percorsa quando devi aprire un sito e commerce è quella di affidarsi a Paypal.

Paypal è un circuito molto sicuro,serio e riconosciuto a livello globale come metodo affidabile, infatti i migliori ecommerce sono dotati di questo servizio. ( spesso gli utenti, quando non si fidano di un sito e-commerce, controllano che abbia il pagamento tramite paypal)

Ti consiglio di leggere i dettagli sul servizio di pagamento scelto e di integrare eventuali costi nel tuo piano finanziario.

Assicurati un servizio di spedizione

Forse la parte più difficile di aprire un negozio on-line.

Ancora oggi, se vendi degli articoli con un costo medio-basso il prezzo totale al cliente potrebbe essere influenzato dalle spese di spedizione molto alte.

È di fondamentale importanza valutare le migliori offerte da parte di più corrieri e scegliere quelli più conveniente per il tuo business.

Organizza le spedizioni

Se hai un’attività che vende prodotti fisici avrai bisogno di un’organizzazione logistica per processare gli ordini che arrivano dal web.

Per questo è bene che ci sa una persona addetta a questo compito per far sì che il servizio di delivery sia ottimale per il tuo cliente.

Se offri un servizio di consegna facile e senza intoppi, il cliente ne parlerà ai suoi conoscenti facendo pubblicità spontanea (e gratis)

Metodi alternativi per aprire un negozio online

Aprire un negozio su Amazon

Il famoso colosso americano ti consente di vendere i prodotti sula sua piattaforma senza dover cimentarsi nella costruzione di siti e-commerce con i vari CMS.

Negli ultimi anni ha allargato le proprie modalità di vendita su larga scala, consentendo a chiunque voglia di poter sfruttare la propria piattaforma che registra quotidianamente un altissimo traffico di navigazione.

Ti consiglio di leggere questo articolo di Alfa Digital per approfondire meglio l’argomento.

Sfruttare il marketplace di Facebook

Il social network più famoso di sempre ti dà la possibilità di vendere prodotti sulla piattaforma tramite l’utilizzo del mercatino integrato, denominato marketplace.

Con questo strumento, puoi vendere in modo privato qualsiasi (o quasi) tipologia di prodotto direttamente tramite Facebook e i potenziali acquirenti potranno contattarti velocemente tramite la chat.

Inoltre puoi sfruttare la funzione gratuita Vetrina che è integrata nelle Pagine Facebook, basta infatti accedere alla tab Vetrina e premere sul pulsante Aggiungi prodotto, per compilare i dettagli dell’articolo che vuoi vendere. 

Inoltre, quest’ultima opzione è integrabile con Blomming, il CMS di cui abbiamo parlato in precedenza.

Instagram

Anche Instagram, il social network fotografico di Facebook, può essere utilizzato per la vendita di prodotti, aprendo un vero e proprio negozio virtuale.

I requisti essenziali sono :

  • Avere almeno 5000 followers.
  • Avere un profilo aziendale.

In aggiunta, per aprire un negozio on-line su Instagram, bisogna integrare all’interno la tab Vetrina della pagina Facebook.

Eseguita questa procedura, devi attendere che il team di Instagram approvi la tua richiesta, così da poter iniziare a inserire i tuoi prodotti nei contenuti che pubblichi.

Conclusione

Spero che questa guida ti sia stata utile, se vuoi esprimere la tua opinione lascia un commento oppure contattaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *